P. de Cambrai, G. de Saint-Quentin – Ossuaires – Graindelavoix, B.Schmelzer (dir.)

Cambrai, Saint Quentin - Ossuaries - GraindelavoixGossa GCD P32107, 64’17″, 2010/2012

Scelto da Eptachordon

Non è necessario essere dei paleografi musicali per rendersi conto, guardando la riproduzione del responsorio Tante signa glorie nel libretto del cd, delle elaborazioni cui Björn Schmelzer lo ha sottoposto per trasformarlo nella Continua a leggere

C. Monteverdi, G. De Wert, N. Gombert – Missa “In Illo Tempore”, Mottetti – Odhecaton, P. Da Col (dir.)

Ricercar RIC 322, 64’36″, 2011/2012

Scelto da Eptachordon

«The life of man is an arrow’s flight», il verso di Richard Henry Stoddard la dice lunga sulla visione teleologica che l’uomo moderno ha della propria esperienza terrena. Un’idea tanto radicata che anche chi si interessa alle cose del passato, ritenendole per certi aspetti preferibili a quelle del presente, tende a vedere Continua a leggere

J. Ciconia – Opera Omnia – La Morra, Diabolus in Musica

Ricercar RIC 316, 2CD, 151’15″, 2010/2011

voto 5

L’eccentrico poeta Urbas, frutto della duplice fantasia di Jorge Luis Borges e Adolfo Bioy Casares, si aggiudicò la gara poetica sul tema della rosa bandita dalla casa editrice Intempestiva posando sul tavolo della giuria un fiore con tanto di petali, stelo e spine. Allo stesso modo per parlare di questo cofanetto si potrebbe Continua a leggere

A. Striggio, T. Tallis – Messa “Ecco il Beato Giorno”, “Ecce Beatam Lucem”, “Spem in Alium” – I Fagiolini, R. Hollingworth (dir.)

Decca 47827344, CD+DVD, 68’53″+57’55″, 2010/2011

voto3

La convinzione che la complessità del mondo scaturisca dalla combinazione infinita di leggi semplici è una delle costanti più tenaci del pensiero occidentale. Nel corso del Rinascimento, com’è noto, si riteneva che alla base di queste regole ci fossero principi di simmetria e armonia costruiti su semplici Continua a leggere

J. S. Bach – Mottetti BWV 225-230 – Collegium Vocale Gent, P. Herreweghe (dir.)

PHI LPH002, 62’42″, 2011/2011

Voto 4

I “papirofagi” musicali di lungo corso forse avranno avuto l’occasione di sfogliare qualche copia della rivista Lyrica, pubblicazione per melomani che ha fermato le rotative da ormai una decina d’anni. Accanto agli  articoli, materiale per lo più per Continua a leggere

F. de Peñalosa – Messa ‘Nunca fue pena mayor’, Mottetti – Ensemble Gilles Binchois, Les Sacqueboutiers, D. Vellard (dir.)

Glossa GCD 922305, 58’41”, 2010/2011

voto 5

In un paio di recenti articoli ([1][2]) si è parlato di una modalità più ‘gotica’ (nel senso umanistico del termine) di accostarsi alla polifonia rinascimentale da parte di alcuni gruppi di più o meno recente formazione. A metà strada tra Continua a leggere

G. P. da Palestrina – Missa Papae Marcelli in Dominica Resurrectionis – Odhecaton, P. Da Col (dir.)

Arcana A368, 65’12″, 2009/2010

Scelto da Eptachordon

Esistono delle opere (la musica antica ne è piena) che sembrano essere state composte apposta per diventare paragrafi di manuali di storia. Titoli come La Rappresentazione di Anima e Corpo, L’Euridice, i Concerti di Viadana e la Messa Papae Marcelli saranno stati fissati Continua a leggere

P. P. Bencini, N. Jommelli – I Maestri di Santa Maria dell’Anima – Concerto Romano, A. Quarta (dir.) – Roma, 3/11/2010

voto 5

Una folata di brezza mediterranea nell’enclave tedesca di Roma. Ieri sera al concerto per i cinquant’anni dell’Istituto Germanico della Capitale, dedicato alle opere composte nel XVI e XVII secolo per la cappella musicale della chiesa di S. Maria dell’Anima, si è capito che Continua a leggere

P. P. Bencini, N. Jommelli – I Maestri di Santa Maria dell’Anima – Concerto Romano, A. Quarta (dir.) – Roma, 3/11/2010

«Sino del 1400, per benefizio de’ medesimi popoli Germanici, ò Teutonici, nello stesso tempo, che fu eretto il nobil Tempio detto dell’Anima, nel Rione di Ponte, fù aperto uno Spedale». Così, con un imprecisione di circa cinquant’anni, nel 1679 Carlo Piazza descriveva la nascita della Chiesa di Santa Maria dell’Anima e dell’annesso Continua a leggere

A. M. Busse Berger – La Musica Medievale e l’Arte della Memoria – Fogli Volanti

coverISBN: 978-88-95482-01-9, 2005 (ed. orig.)/2008 (ed. it.), pp. 335

Voto 4

Le scienze umane parlano chiaro: una qualsiasi espressione culturale esce dalla fase preistorica solo quando è in grado di lasciare testimonianze stabili e univocamente interpretabili. Nonostante la relativa abbondanza di tracce iconografiche e di documentazioni indirette anteriori, per la musica questo passaggio ha avuto luogo Continua a leggere